La storia dell’istituto tecnico “Scano” di Cagliari – una scuola storica della città

storia-scano-a-cagliari

La scuola cagliaritana a cui ci riferiamo è l’ istituto tecnico industriale di Cagliari, quello dedicato dal 1964 a Dionigi Scano e che è oggi a Monserrato, ma che fino al 1986 era in via San Lucifero.
Subito dopo il varo della riforma Gentile, che risale al 1923 , a Cagliari i quadri dirigenti isolani avevano fortemente sollecitato l’istituzione di un corso di istruzione tecnica a livello superiore per poter disporre di personale tecnico all’altezza dei nuovi macchinari utilizzati nel settore idroelettrico, minerario e meccanico.. Nacque cosi l’ istituto industriale, inizialmente come corso di studi superiori annesso alla Regia Scuola Industriale. Sotto la guida dell’ ingegnere napoletano Edmondo Fulvio, un uomo che abbinava grande preparazione tecnica ed eccezionale cultura umanistica la scuola si era dotata di un’ officina per la meccanica fine e di un gabinetto di metrologia e resistenza dei materiali che per quei tempi erano veramente d’ avanguardia. A partire dal 1926 la scuola cominciò anche ad ospitare dei corsi aggregati, richiesti dai Ministeri della Guerra e dell’ Aeronautica, che si concludevano a luglio con una regolare sessione di esami ed il rilascio di una sorta di patentino. Uno dei più frequentati era il Corso premilitare per Montatori d’ Aviazione che, come viene specificato nell’attestato finale, sarebbe stato determinante per ottenere l’assegnazione alla Regia Aeronautica al momento della visita di leva. Questi corsi premilitari furono tenuti nell’ Istituto con sempre maggior frequenza fino allo scoppio della guerra.

Il corso di studi superiori della Regia scuola industriale aveva inizialmente una durata di quattro anni ,e portava al diploma di Perito Tecnico Industriale, anche se da subito venne offerta la possibilità di frequentare un quinto anno opzionale e conseguire la ulteriore specializzazione di elettricista. Una legge del 1931 finalizzata a parificare la durata dei corsi di studio fra istituti tecnici e licei rese però obbligatorio quel quinto anno, e per i diplomati dell’ istituto cagliaritano la riforma portò al nuovo ed ambito titolo di perito tecnico industriale meccanico elettricista. Nella foto di classe che riportiamo, scattata nel cortile interno dell’ istituto in via San Lucifero, e risalente alla fine del 1928, è presente una classe delle superiori con i suoi docenti in prima fila, gli alunni, tutti rigorosamente di sesso maschile, in seconda fila, ed al centro il preside Edmondo Fulvio fra le uniche due insegnanti di sesso femminile.

FONTI E CREDITI (ANTONELLO FRUTTU – che ringraziamo vivamente per la disponibilità e gentilezza)

(Foto dal volume “Francesco Fruttu : lettere dall’Africa, 1935-1946 : Campagna d’Etiopia, colonia, guerra e prigionia attraverso le lettere alla famiglia di un giovane ufficiale sardo riordinate e commentate dal figlio settant’anni dopo”. Edizioni Gutenberg, 2016)

Precedente La morte del Pitzolo e del Planargia - storie segrete di Cagliari Successivo La lotta per il potere a Cagliari dei Peralta e dei Carroç durante l'assedio del 1326