Cosa vedere nel quartiere di Castello di Cagliari: guida turistica

Il quartiere di Castello di Cagliari sorge su una naturale zona rocciosa, un’altura che in passato veniva giudicata facilmente difensibile (a ben ragione), dove venne realizzato appunto il castello di Cagliari, un imponente circuito difensivo costituito da poderose mura (in parte abbattute col tempo), vari bastioni e torri; si tratta della parte più “tipica” e caratteristica di Cagliari, racchiudendo in sé gran parte del patrimonio artistico monumentale.

Buona parte delle strade del quartiere di Castello di Cagliari è ancora caratterizzato dallo stile medievale del tempo, sebbene coi secoli vi si siano aggiunte numerose stratificazioni.

Passeggiando per le strade del quartiere vi potrete imbattere facilmente in panorami mozzafiato, antiche chiese, fra cui la cattedrale, antiche sedi d’università, il palazzo viceregio, le torri dell’elefante, di San Pancrazio e dell’Aquila, i giardini pubblici, la galleria d’arte, la cittadella dei musei fra cui il famoso museo archeologico nazionale contenente numerosi reperti nuragici, il palazzo di Città, il palazzo Boyl, il teatro Civico, la chiesa di San Lucia, il bastione di San Remy e la zona della movida cagliaritana, Piazza Yenne e il bastione di Santa Croce.


Approfondimenti:

Pagina Wikipedia sulla Cattedrale di Cagliari

 

Precedente Cosa significa il nome di Stampace, l'antico quartiere di Cagliari? Successivo Farmacie di turno a Cagliari: quali sono quelle aperte adesso