“Torre Zavorra”: la torre spagnola (Cagliari) che oggi non esiste più

Vediamo in questo articolo la storia di una delle torri militari di Cagliari meno note e ormai scomparse: la torre della Zavorra, di cui ormai rimangono poche macerie visibili.

Le torri presenti nel territorio sarrochese erano, un tempo, tre. Di queste tre oggi rimane sola la Torre del Diavolo, ma ci sembra giusto parlarvi anche delle altre 2, la Torre Zavorra e la Torre Antigori, delle quali oggi rimane qualche rudere.

Costruita nel 1578, era una torre di difesa leggera che gli Spagnoli chiamavano “Senzillas”.Della stessa tipologia erano anche quelle di Chia,di Malfatano e di Macario costruite successivamente nel 1639…tanto per rimanere in zona.Nel 1584 si chiamava Torre Savorrae ; nel 1721,si chiamava Torre della sorra ; nel 1740,Torre della Sahorra.Le dimensioni medie erano di 6 metri di diametro e di 8 metri di altezza.Erano presidiate da un Alcaide un artigliere e due o tre uomini.Erano dotate di due cannoni di medio calibro, due spingarde e cinque fucili. Nel 1598,erano torrieri Giuliano Nicolau,Jacopo Dessi’ e Giovanni Angelo Prunello.Nel 1690,L’Alcaide era Simone Lixi dal quale dipendevano anche le torri del Loi (Torre degli Ulivi),e quella di Antigori. Queste ultime erano chiamate “Torrezillas” ed erano le piu’ piccole.Anche la nostra Torre del Diavolo era una “Torrezilla”.

Nel 1692, fu aggiunto un terrapieno per sistemarvi tre pezzidi artiglieria.Nel 1694, dopo Lixi, segui’ il capitano Giovanni Flandes e poi, Giaime Maltes.Nel 1785, la Torre conobbe un altro ampliamento per poter accogliere altri due cannoncini ed una spingarda.Nel 1792,in previsione di un attacco Francese,si preferi’ spostare artiglierie ed armi da Zavorra a Cala Mosca.Nel 1832,era ancora presidiata ma nel 1835, la torre venne disarmata anche se l’ultimo Alcaide Efisio Dessi’ vi rimase sino al 1843.Nonostante lo scioglimento dell’Amministrazione delle torri,Torre Zavorra rimase presidiata per tutto il secolo,sino agli inizi della Guerra.In pochi secondi,nel 1916, fu fatta saltare in aria dal GENIO Militare con il benestare della Sovrintendenza per non dare riferimento ai sommergibili Austriaci che infestavano il Golfo di Cagliari.

Precedente I Carroz: storia del marchesato di Quirra e dei Carroz a Cagliari Successivo La storia del porto di Cagliari: da porto punico ad attrazione turistica della città