Il palazzo comunale di Cagliari: cosa vedere e visitare

cosa vedere a cagliari municipio

Il municipio di Cagliari venne costruito nei primi del Novecento, con pietra calcarea che ne rende l’aspetto bianco, il Palazzo Civico ha una architettura che è la perfetta sintesi tra il neo gotico e l’allora nascente liberty. Le finiture e le decorazioni esterne furono completate nel 1914, anno d’insediamento del consiglio comunale. Particolarità dell’opera sono le due torri a pianta ottagonale che svettano sul prospetto principale, mentre l’intera costruzione si articola intorno all’ampio cortile.

Durante i bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale l’edificio fu pesantemente danneggiato, ma tutto venne ricostruito tra il 1946 e il 1953 ad eccezione della copertura interna del cortile.

Diverse le opere che consigliamo di vedere sono custodite all’interno del municipio di Cagliari; in particolare alcuni dipinti del pittore sardo Filippo Figari che adornano la sala del Consiglio e quella dei matrimoni, e le sculture in bronzo di Francesco Ciusa. Di grande impatto e importanza è il retablo dei consiglieri, trittico a tempera e olio su tavola realizzato intorno al 1527 da Pietro Calvaro, e i grandi dipinti di Giovanni Marghinotti raffiguranti Carlo Felice e carlo Alberto realizzati intorno al 1830. La stanza del sidaco ospita il grande arazzo realizzato dal fiammingo Spierink, in lana e seta realizzato nel seicento ed esposto nel 1966 a Stoccolma in occasione della mostra intitolata a Cristina di Svezia.

Cosa vedere nello specifico all’interno del municipio di Cagliari:

Stanze di rappresentanza

Sul piano nobile del palazzo,lungo l’andito che ospita i busti delle antiche personalità cittadine, si trovano le stanze del sindaco e del vice sindaco dove si possono ammirare i grandi dipinti di Giovanni Marghinotti, i gioielli dell’Alter nos, il meraviglioso arazzo in lana e stea realizzato nel seicento dal ricercato arazziere fiammingo Francesco Spierink e la sala Vivanet, che accoglie le originali tele del’artista Melis Marini.

Sala Consigliare

La sala ospita le riunioni dell’Assemblea Comunale, con le classiche sedute che ospitano i Consiglieri Comunali e il banco della Giunta. Abbellita dalle sculture del Ciusa e da tre grandi pannelli, che esaltano il ruolo di Cagliari nella storia d’Italia, realizzati tra il 1916 e il 1924 da Filippo Figari, ha due grandi loggioni destinati al pubblico che si affacciano sull’assemblea.

Sala Figari

Meglio conosciuta come sala dai matrimoni, ospita le bellissime tavole di Filippo Figari che riprendono scene delle nozze e del corteggiamento delle donne sarde e delle visite in casa, oltre ai pezzi più significativi di una interessante collezione archeologica, appartenuta alla famiglia Cao e donata al Comune, con reperti che interessano le civiltà nuragiche, puniche e romane, e quella di finti gioielli risalenti all’800 donate all’Amministrazione dalle sorelle Paderi.

Sotterranei del palazzo

Restituiti al loro completo utilizzo, grazie ad un opera di recupero durata oltre 4 anni, i sotterranei oggi ospitano ampi sapzi disponibili per esposizioni e conferenze a vantaggio delle associazioni e dell’intera cittadinanza.

Cosa vedere a Cagliari: torna all’elenco >>>

Precedente La pietra di Santu Mumma a Cagliari nella cattedrale Successivo Cosa vedere a Cagliari nell'orto botanico - storia e informazioni